Entra a far parte della nostra community Telegram e ricevi subito uno sconto di 5€! 🍀

L’INCI e i modi per prendersi cura di se stessi

Erika GomieroL’INCI e i modi per prendersi cura di se stessi

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Mi diverte osservare come questo termine, un tempo sconosciuto, sia ormai sulla bocca di tutti, anche se non sempre si sa veramente di cosa si sta parlando…

Iniziamo col dire che questo termine è l’acronimo di International Nomenclature of Cosmetics Ingredients, quindi si riferisce all’elenco degli ingredienti dei prodotti cosmetici. 

Ma un buon Inci qual è?

Ci sono diversi aspetti da considerare: un buon Inci comprende ingredienti efficaci ma anche sani, naturali, non dannosi e non solo per le persone che usano il prodotto.

Mettere insieme tutte queste cose, lo ammetto, non è affatto facile, perciò la lettura dell’inci deve essere attenta e l’idea di guardare gli ingredienti con la lente d’ingrandimento non è più solo uno scherzo. Credo sia davvero importante fare delle ricerche e soprattutto rivolgersi a persone che conoscono a fondo l’argomento.

Scrivere sulle etichette “green”, “naturale”, “eco-bio” ormai è diventato una moda e non garantisce la reale integrità del prodotto.

Un prodotto naturale non è automaticamente un prodotto buono, anche il petrolio se ci pensate è naturale, questo non significa che usarlo sia benefico per l’uomo.

Partiamo dalla prima caratteristica che ho elencato prima: il prodotto deve essere efficace!

Trovare un prodotto che abbia ingredienti biologici e non dannosi non ci garantisce la sua efficacia, spesso per non risultare dannosi alcuni cosmetici sono talmente leggeri da non svolgere l’attività per cui li acquistiamo, è importante fare una ricerca più attenta, esistono infatti sul mercato aziende che veramente sanno utilizzare ciò che offre la natura per creare un prodotto utile.

Passiamo ad un altro aspetto: esistono ingredienti, nei prodotti cosmetici che troviamo regolarmente anche al supermercato, che sono davvero dannosi per chi li utilizza, possono dare un ottimo effetto sulla pelle al momento, ma con il tempo il loro utilizzo rivela conseguenze negative. Possiamo citarne molti, come ad esempio i siliconi, i derivati del petrolio, ma su questi ormai chi è attento agli Inci ha già molte informazioni.

Esistono invece ingredienti che pur non essendo dannosi per l’uomo, creano (a causa del loro utilizzo) grossi problemi al mare ed ai coralli, altri quando entrano in circolo assomigliano talmente ai nostri ormoni da indurre il corpo a non produrne più perché già li vede presenti, quindi poi non li troviamo nell’organismo dove dovrebbero fare il loro lavoro.

Per l’utilizzo di alcuni ingredienti che al corpo fanno bene, è necessaria un’estrazione fatta a mano, e le esalazioni durante la produzione sono tossiche per gli operatori, possiamo dunque definirlo benefico?

Se un ingrediente, per essere utilizzato, obbliga a disboscare interi territori, o a modificare la struttura di piante o habitat animali, le conseguenze non possono essere sempre etichettate come disastri ambientali inspiegabili, la responsabilità è dell’uomo.

Un altro aspetto importante da valutare è la quantità di rifiuti e di scarti che un prodotto crea, non inquiniamo la terra solo con gli ingredienti dei prodotti, ma anche con la confezione che li racchiude e i rifiuti che la produzione e l’utilizzo del prodotto creano.

Spesso un buon ingrediente, con tutte le caratteristiche positive che cerchiamo (efficace, sano, non dannoso per produttori e consumatori, che non danneggi la natura) ha un costo molto superiore al suo corrispondente sintetico, ma davvero non possiamo pensare che possa essere da lui sostituito, perché perderemmo la maggior parte delle caratteristiche positive di cui sopra.

Mi rendo conto di aver messo assieme tante informazioni in questo articolo, sarei felice di aver dato degli spunti per riflettere su quanti siano i modi di prendersi cura di noi e della terra che ci ospita e di aver invogliato qualcuno a cercare maggiori informazioni. 

Anche per oggi vi saluto con l’augurio di riscoprire sempre di più la Natura e i suoi doni.

Erika

condividi

Articoli correlati

Lettura del piede e nutrizione disintossicante secondo la medicina tradizionale cinese

La Medicina Tradizionale Cinese è la disciplina a cui Malaikacuorenatura.it si ispira quotidianamente e su cui basa il proprio metodo: darvi il rimedio adatto identificando la VERA CAUSA del disturbo. PREVENZIONE: “prima che accada” … cosa posso fare? Il trattamento di Riflessologia, la lettura del piede, è la manifestazione dello stato di equilibrio di organi e visceri, da abbinare sempre a una buona alimentazione e alla depurazione.

leggi tutto l'articolo
Oli essenziali, pura essenza: azione sull’umore

Cos’è che da profumo alle piante? Quale componente dona ad ogni frutto il suo aroma, ad ogni fiore la sua caratteristica fragranza?
Proprio loro, gli oli essenziali!
Più un olio essenziale è presente in quantità, più si sprigiona il profumo e meno materiale serve per produrlo (da questo dipende poi il loro costo finale).
Alla pianta l’olio essenziale serve per attrarre o respingere insetti o animali, per i processi vitali della pianta e come difesa dalle malattie. Esso può essere contenuto in varie parti della pianta: nel frutto, nei semi, nelle radici, nei fiori, nella corteccia…

leggi tutto l'articolo
Ritorniamo alla Terra, incontriamo la Natura

Buongiorno a tutti, sono Erika e nel mio percorso ho studiato Naturopatia.
Ho deciso di scrivere degli articoli per parlarvi di argomenti utili al nostro Ben-essere, per darvi degli spunti su vari temi che riguardano il mondo naturale. vi presenterò elementi naturali o accorgimenti utili, ma vi ricordo che nulla di quello che facciamo per il nostro star bene ha senso e sarà efficace se non viene pensato in relazione all’intero universo-uomo che giorno per giorno nutriamo e curiamo con cibo, aria, acqua, pensieri ed azioni.

leggi tutto l'articolo
6 regole per ritrovare il vero benessere

Come vi dicevo all’inizio di questo nostro discorrere sulla natura, il punto fondamentale del prendersi cura di se in modo naturale è la visione olistica (completa) della persona.

Il modo per ritrovare il benessere è diverso e deve essere studiato su ogni singola persona, ma ci sono delle indicazioni generali che valgono per tutti e che possono essere i primi passi per prenderci cura di noi.

leggi tutto l'articolo
Le allergie e il ribes nero

Come sempre in primavera ecco ricomparire le nostre allergie, la natura è in fase di rinascita, pollini, in volo, erba che cresce, giornate passate all’aperto ed eccoci con dei super raffreddori, occhi gonfi e naso che cola…come mai il nostro corpo reagisce così? 

leggi tutto l'articolo